VACCINI : PERCHE’ TUTTA QUESTA URGENZA?

Vaccini: fate presto! fate presto!

Siamo ormai alla distopia orwelliana e bradburiana. Per meglio esternare i miei sospetti e le mie reticenze sul decreto Lorenzin relativo ai vaccini, volevo raccogliere un po’ di documentazione scientifica.
Poi ho pensato tra me e me: ma perché come cittadina e come paziente (troppo paziente!) , devo sentirmi in dovere di fare quello che la signora  Beatrice Lorenzin che a differenza della sottoscritta comune cittadina, a capo del Ministero alla Salute, non fa?
L’avete sentita la Lorenzin durante le trasmissioni tv con quanta e quale sicumera pretende una decretazione d’urgenza per 12 (dico dodici vaccini) da somministrare a piccoli pazienti?
E chi è questa Vispa Teresa liceale? Una luminare della scienza? della ricerca medica? Nossignori.
E’  un po’ come  quelle estetiste della Avon a domicilio: parla così, tanto per reclamizzare la bontà dei prodotti delle corporation farmaceutiche. E il guaio è che lo fa senza un vero contradditorio in tv, dal momento che abbiamo i peggiori maggiordomi del giornalismo, specialisti nell’inginocchiatoio. 
Affidereste ad un governo non eletto, una materia tanto delicata come la salute dei più piccoli, quando è da tempo che si va predicando che con c’è una cura uguale per tutti o un vaccino o un antibiotico uguale per tutti, ma che esistono profilassi e terapie individualizzate a seconda dei casi? E che ognuna di queste procedure, va certificata caso per caso?

Sulla questione dei vaccini, il web fuma di rabbia e di dissensi (la letteratura e pubblicistica on line contro l’abuso dei vaccini prolifera ogni giorno di più), ma il popolo minuto sembra narcotizzato e ci si aspetta che il Ministero della Salute venga cinto d’assedio con qualche beau geste esemplare. Sì, ma quando?

Seguite i Tre Ragionamenti semplici semplici dal blog Byoblu di Claudio Messora, all’insegna del comune buon senso. 

 Non fanno una grinza: Primo ragionamento: il decreto d’urgenza. 
Secondo ragionamento: sicuri che sia un’evidenza medica che tutti questi vaccini debbano essere obbligatori?
Terzo ragionamento: l’ipocrisia politico-sanitaria.
Tre  ragionamenti che sono anche tre paragrafi.

Poi va letto dal sito di Blondet, perché la Svezia vieta le vaccinazioni obbligatorie e ha il pessimo vizio – a differenza di noi – di applicare la sua Costituzione.

Il 10 maggio il Parlamento svedese ha respinto 7 proposte che avrebbero promosso le vaccinazioni obbligatorie. Il governo svedese ha deciso infatti che le politiche di vaccinazione forzata sono contrarie ai diritti costituzionali dei loro cittadini.

La Svezia, invece di aderire alla pressione delle aziende farmaceutiche o delle tattiche spaventose dei media mainstream, ha adottato la decisione di rifiutare l’applicazione della vaccinazione obbligatoria ai suoi cittadini. Infatti, un tale mandato, hanno affermato, violerebbe la Costituzione del paese.


Anche altri fattori hanno influenzato questa decisione. Da un lato c’è stata la pressione dei cittadini che hanno manifestato chiaramente il loro dissenso oltraggio al concetto di vaccinazioni forzate (non come da noi dove si dorme). Il testo di uno dei moti relativi alla decisione ha rilevato che i parlamentari avevano osservato “una grande resistenza a tutte le forme di coercizione per quanto riguarda la vaccinazione“.

I politici hanno anche citato alcuni dati dal sistema sanitario svedese (NHF) che hanno rivelato frequenti e “gravi reazioni avverse” al vaccino MMR (morbillo, orecchioni e rosolia) ed hanno osservato che tali reazioni sono specificate anche nel foglietto informativo del vaccino. I politici hanno affermato che siccome i bambini dovrebbero ricevere due dosi di questa vaccinazione, questi considerevoli rischi sarebbero raddoppiati. Inoltre hanno sottolineato che tali rischi non erano limitati al vaccino MMR, ma che altri vaccini causavano “reazioni avverse simili”.

http://www.maurizioblondet.it/la-svezia-vieta-le-vaccinazioni-obbligatorie/

Chiedetevi inoltre perché la protesta arriva, non  già dalle zone sottosviluppate di qualche paese del Terzo Mondo, bensì da aree del Nord (Nord Europa e Nord Italia) con un’eccellente qualità dei servizi socio-sanitari anche da noi.
Chiedetevi perché mettono un’ignorante incompetente alla Sanità, carica solo della sua superbia.
Con ogni evidenza meno se ne sa, più è facile essere obbedienti ed esecutivi. Il medico competente e ben documentato sa anche a quali rischi e pericoli può andare incontro in scienza e coscienza.
Frattanto è già scattata l’omertà e i medici più scrupolosi e coscienti sono stati cancellati dall’Ordine o sono al vaglio di provvedimenti disciplinari.
 

Ecco inoltre la frase-chiave pronunciata dalla Lorenzin durante la trasmissione Porta a Porta con un Vespa in ginocchio da lei. Ha obiettato che non è possibile diminuire le vaccinazioni a tre o quattro perché c’è l’emergenza “circolazione delle merci e degli uomini”.

Ah, allora prima si crea una potenziale emergenza epidemiologica e batteriologica (il veleno) attraverso autentiche bombe demografiche (gli sbarchi),  per poi somministrare obbligatoriamente una paccata di vaccini (l’antidoto) allo scopo di incrementare il business delle major farmaceutiche? Da denuncia penale, se esistesse una giustizia!

Da ultimo raccomando di seguire il blog della bravissima Gioia Locati sul Giornale che da sempre si occupa con competenza e scrupolosità di questione sanitarie.

Ecco alcuni titoli:
 
 
Infine ecco il trailer del film “VAXXED” vietato al Senato ( Pietro Grasso ne ha proibito la visione) sulle testimonianze dei padri e madri che hanno somministrato vaccini che hanno provocato l’autismo nei figli quali effetti collaterali).

 
 
Tutti complottisti e cospirazionisti incalliti? tutti paranoici con strane manie di persecuzione? Tutti con il pallino di fare gli “antisistema”? La verità di questa coercizione a delinquere sta proprio nell’inasprimento della legge che prevede il non accesso dei bambini ai servizi educativi e a quel diritto allo studio di cui vanno riempiendosi la bocca da decenni e decenni. Oltre a ciò, la legge prevede anche la sottrazione del minore alla patria potestà, nel caso in cui i genitori dovessero rifiutarsi di farli vaccinare.
Mi pare evidente che il problema non sia la lotta contro le vaccinazioni, ma contro l’abuso delle  stesse. Morbillo, scarlattina, varicella, rosolia, quarta e quinta malattia sono sempre esistiti, tant’è vero che vengono considerate malattie che rendono immuni e che ci hanno fortificato, senza impedire la nostra crescita.
Le vaccinazioni sono presidi sanitari al pari degli antibiotici: in certi casi utili, in altri indispensabili, o in altri ancora inopportuni, non appropriati e perfino dannosi, specie se se ne abusa. L’aver accettato poi con avventurismo e folle superficialità, di tradurre in legge, l’idea di distruggere la famiglia e quindi le esistenze dei bambini che ci vivono,  in caso di mancata vaccinazione, è una coercizione autoritaria degna dei peggiori regimi totalitari!

Con ogni evidenza, il sospetto dovuto alla mancanza di chiarezza e alla fretta di farci somministrare quanto non conosciamo, è l’unica arma nelle mani dei pazienti i quali giustamente si rifiutano di essere trattati con mancanza di riguardo, di trasparenza e di onestà.

– Fate presto! Fate presto! E’ emergenza sanitaria! – 
Ce l’hanno già detto quando hanno voluto depredarci di quattrini e di case. Remember 2011-2012! Ora c’è in ballo la nostra vita, la nostra salute, e quella dei nostri figli e nipoti.
Non fate presto, ma riflettete, informatevi, documentatevi: è nel vostro pieno diritto.
Nessuno può obbligarci a firmare un contratto con la pistola puntata, e senza averne letto tutte le clausole.
http://sauraplesio.blogspot.it/2017/05/vaccini-fate-presto-fate-presto.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*